Attività

Con oltre 15.000 ore di formazione ha trasferito metodi e strumenti dell'EBM e del governo clinico a più di 10.000 professionisti sanitari; ha creato la Faculty GIMBE, network multiprofessionale di docenti e collaboratori; ha coordinato numerosi progetti aziendali e regionali mirati sia a diffondere l’EBM, sia a implementare gli strumenti di governo clinico nelle organizzazioni sanitarie con il fine ultimo di migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e ottimizzare l’uso delle risorse.

È autore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche, direttore responsabile di Evidence (già GIMBEnews), la prima rivista metodologica open access in italiano. E’ editorialista del Sole 24 Ore Sanità con la rubrica Angolo di Penna e collabora con numerose riviste scientifiche e sanitarie.

Nel settembre 2011 ha lanciato il blog, "La sanità che vorrei"

Riconosciuto a livello internazionale come pioniere italiano dell’EBM, in collaborazione con il CEBM di Oxford ha reso permanente in Italia la International Conference for Evidence-based Health Care Teachers and Developers, la cui sesta edizione è programmata per il 2013.

È co-autore del Sicily Statement on Evidence-based Practice, documento di consenso internazionale sull’insegnamento dell’EBP a tutte le professioni sanitarie.

Ha partecipato, in qualità di membro dello steering committee, al progetto European Union Evidence-based Medicine Unity, con l’obiettivo di standardizzare l’insegnamento dell’EBM in Europa.

Nel 2010 la passione e l’instancabile dedizione hanno permesso a Nino Cartabellotta di porre due pietre miliari nel suo lungo e proficuo percorso professionale.

A livello internazionale ha fondato, insieme a 15 leader mondiali nel campo dell’EBM, la International Society of Evidence-Based Health Care, network di professionisti e organizzazioni finalizzato a promuovere l’insegnamento e la pratica dell’EBHC.

In Italia ha promosso la costituzione della Fondazione GIMBE che rappresenta per Nino Cartabellotta un traguardo rilevante ma, al tempo stesso, il nuovo punto di partenza per realizzare il fine ultimo della sua vita professionale: migliorare la salute dei cittadini e ottimizzare l’utilizzo del denaro pubblico, grazie all’integrazione delle migliori evidenze scientifiche in tutte le decisioni professionali, manageriali e politiche.
Seguici
Seguici su youtube
Seguici su twitter
Seguici su facebook
In primo piano
La diagnosi precoce dei tumori
27 marzo 2017, Evidence 2017;9(3): e1000163

Pagina aggiornata il 11/08/2013