Selling Sickness


Questo statement è stato sviluppato grazie a diversi contributi e discusso in occasione della Conferenza Selling Sickness, 2013: People before Profits, nata nell’ambito di un movimento globale progressista e attivista per la salute dei cittadini e tenutasi a Washington DC nel febbraio 2013.

CONTRASTIAMO TUTTI INSIEME IL MERCATO DELLE MALATTIE

Questa iniziativa chiama a raccolta ricercatori, professionisti sanitari, attivisti, sostenitori, pazienti, caregivers e cittadini profondamente preoccupati per la crescente corruzione della medicina e dell’assistenza sanitaria.

Chiediamo di mettere fine al “mercato delle malattie” sostenuto dall’industria che manipola le problematiche sanitarie e danneggia la salute con pratiche che medicalizzano la vita quotidiana, ingannando professionisti e cittadini.

Gli interessi commerciali stanno corrompendo la ricerca, la pratica clinica e il mercato con varie strategie: occultamento dei dati della ricerca, ricerca e pubblicazione distorte da bias, uso di controlli inadeguati nei trial clinici, reporting della ricerca acritico e sbilanciato, sovra-utilizzo di interventi diagnostico-terapeutici non necessari, scarsa attenzione alle variabili sociali e alle ingiustizie, marketing ingannevole.

Siamo allarmati perché la formazione universitaria e specialistica dei professionisti sanitari si basa su una “scienza” inaffidabile, concepita per espandere i mercati piuttosto che per diffondere valide conoscenze finalizzate a migliorare la salute individuale e pubblica. 

Pratiche rischiose e scienza distorta danneggiano i pazienti, determinano spreco di risorse pubbliche, inventano malattie, generano ansie collegate alla salute, ingannano i cittadini, alterano le conoscenze, corrodono la professionalità ed espongono tutti noi a test diagnostici e trattamenti non necessari, costosi e rischiosi.

Consapevoli che ciascuno di noi onorerà questo compito in maniera differente, ci impegniamo a sostenere un movimento di collaborazione e azione per:

  • creare barriere nette tra l’influenza commerciale dell’industria e le agenzie regolatorie di farmaci e dispositivi medici, oltre che gli autori di linee guida per la pratica clinica;
  • regolamentare in maniera più rigorosa la pubblicità diretta di farmaci e dispositivi o, se possibile, proibirla, creando programmi di sorveglianza adeguati;
  • sperimentare, approvare e commercializzare farmaci, test diagnostici e dispositivi medici con l’obiettivo esclusivo di preservare l’integrità scientifica, garantire la sicurezza dei pazienti e migliorare la salute individuale e pubblica;
  • valutare farmaci e dispositivi medici confrontandoli con adeguati controlli, di norma il miglior trattamento in uso, in popolazioni appropriate;
  • identificare tempestivamente interventi sanitari inefficaci e/o non sicuri presenti sul mercato, rendere pubblici i rischi conseguenti al loro uso inappropriato e impedirne l’utilizzo;
  • registrare tutti i trial clinici e rendere disponibili i dati grezzi per analisi indipendenti almeno al momento dell’approvazione di farmaci e dispositivi medici, ma idealmente prima;
  • riformare il sistema di brevetto per i farmaci in modo che gli interessi commerciali non oscurino i reali benefici clinici per i pazienti;
  • informare e coinvolgere adeguatamente pazienti e cittadini nelle decisioni individuali che riguardano la loro salute, così come nella definizione della priorità della ricerca, nel disegno degli studi clinici e nelle politiche regolatorie;
  • proteggere adeguatamente i partecipanti arruolati nei trial clinici grazie a comitati etici che funzionino adeguatamente, a un consenso informato accurato e completo e ad adeguate politiche di risarcimento per eventuali danni subiti;
  • i giornalisti, il cui lavoro deve essere quello di vagliare indipendentemente affermazioni fatte da terzi, devono essere consapevoli del danno conseguente alla diffusione incontrastata e non soggetta ad alcuna verifica di messaggi promozionali e di marketing legati al mercato delle malattie;
  • fare in modo che le norme che regolano l’assistenza, la formazione dei professionisti sanitari e le linee guida per la pratica clinica riconoscano e tengano conto di gruppi emarginati e vulnerabili che possono essere maggiormente esposti a rischi e sfruttamento;
  • considerare le terapie non farmacologiche - solitamente meno legate a logiche di profitto -  la prevenzione e gli interventi sanitari di comunità come priorità rilevanti per la ricerca e la pubblicazione alla stessa stregua delle terapie farmacologiche e dei dispositivi medici.

In un mondo caratterizzato da una escalation delle tecnologie sanitarie e da mezzi di comunicazione sempre più innovativi questi cambiamenti miglioreranno sostanzialmente la salute pubblica e la sicurezza dei pazienti e permetteranno di risparmiare denaro, diminuendo così la pressione fiscale sui cittadini e l’impatto sulla spesa pubblica della sanità.

Crediamo che la minaccia che incombe sulla salute umana a causa del “mercato delle malattie” richieda un’azione concreta e congiunta di cittadini e professionisti sanitari.

Ci impegniamo ad agire, individualmente e collettivamente, per diffondere e implementare le linee d’azione delineate in questo statement, incoraggiando una continua apertura verso terzi interessati.

Seguici
Seguici su youtube
Seguici su twitter
Seguici su facebook
In primo piano
La diagnosi precoce dei tumori
27 marzo 2017, Evidence 2017;9(3): e1000163

Pagina aggiornata il 13/06/2013