Home Press room Comunicati stampa
stampa

Comunicati stampa

22 aprile 2013
Per un SSN sostenibile: riallineare gli obiettivi di tutti gli attori del SSN

«NONOSTANTE I TAGLI, UN SSN EQUO E SOSTENIBILE PUÒ ESSERE GARANTITO SOLO SE GLI OBIETTIVI DIVERGENTI E SPESSO CONFLITTUALI DEI DIVERSI STAKEHOLDERS VENGONO RIALLINEATI, RIMETTENDO AL CENTRO LA PROMOZIONE, IL MANTENIMENTO E IL RECUPERO DELLA SALUTE DELLA POPOLAZIONE».

 

Con queste parole il Dott. Nino Cartabellotta – Presidente della Fondazione GIMBE – illustra il significato  del progetto Salviamo il Nostro SSN, recentemente lanciato dalla Fondazione GIMBE. «La Sanità – continua Cartabellotta - oltre ad essere il più importante settore produttivo di beni e servizi, è la principale fonte di consumismo da parte dei cittadini. Inoltre, il sistema sanitario è caratterizzato da un inestricabile mix di complessità, incertezze, asimmetria informativa, qualità poco misurabile, conflitti di interesse, corruzione, estrema variabilità delle decisioni cliniche, manageriali e politiche. La variabile combinazione di questi fattori permette ai vari attori un tale livello di opportunismo da rendere il sistema sanitario difficilmente controllabile».

«Attorno al pianeta Sanità – continua il Presidente - ruotano gli interessi di diverse categorie di stakeholders. Quelli primari (Stato e Regioni, aziende sanitarie, management, professionisti sanitari, cittadini) costituiscono l’asse delle decisioni politiche, manageriali, professionali che influenzano direttamente programmazione, organizzazione, erogazione e fruizione dell’assistenza sanitaria. Gli stakeholders secondari (università, ordini e collegi professionali, società scientifiche, sindacati, industria, comitati etici, associazioni di pazienti) sono portatori di interessi specifici che influenzano indirettamente programmazione, organizzazione, erogazione e fruizione dell’assistenza sanitaria».

«Per garantire un SSN equo, universalistico e sostenibile – conclude Cartabellotta – è indispensabile riallineare gli obiettivi divergenti e spesso conflittuali dei diversi attori, rimettendo al centro la promozione, il mantenimento e il recupero della salute della popolazione».

Dal 13 maggio il progetto Salviamo il Nostro SSN entrerà nel vivo della consultazione pubblica con l’analisi di criticità e proposte relative a Stato e Regioni.

Per ulteriori informazioni: www.salviamo-SSN.it


Download comunicato

 

3 aprile 2013
"Salviamo il nostro SSN": al via il progetto della Fondazione GIMBE

In occasione della 8a Conferenza Nazionale GIMBE (Bologna, 15 marzo 2013), il presidente Nino Cartabellotta ha presentato la fase operativa del progetto Salviamo il Nostro SSN che, in un momento di grande incertezza politica ed economica, ha l'obiettivo di coinvolgere tutte le categorie di stakeholders per contribuire alla sostenibilità della sanità pubblica.

«I 30 principi guida che configurano la vision della Fondazione GIMBE sulla Sanità pubblica – ha affermato Cartabellotta – sono stati sviluppati a partire dalla legislazione sanitaria vigente, del contesto politico, economico e sociale e da evidenze ed esperienze mutuate da sistemi sanitari internazionali».
Per favorire l'attuazione di questi principi, la Fondazione GIMBE propone dieci linee di azione:

1. Integrare le migliori evidenze scientifiche in tutte le decisioni che riguardano la salute dei cittadini: professionali, manageriali e politiche.
2. Migliorare le performance dell’assistenza sanitaria (sicurezza, efficacia, appropriatezza, equità, efficienza), rispettando il vincolo delle risorse programmate.
3. Riorganizzare l’offerta di strutture, servizi e prestazioni sanitarie secondo il modello dell’healthcare needs assessment
4. Identificare gli sprechi per guidare i disinvestimenti e ottenere migliori risultati di salute dalle risorse investite.
5. Introdurre l’uso di tecnologie informatiche avanzate per supportare i processi assistenziali e ridurre le complessità amministrative.
6. Sviluppare strategie per valorizzare il capitale umano delle organizzazioni sanitarie.
7. Informare i cittadini sull’efficacia, appropriatezza e sicurezza degli interventi sanitari e coinvolgerli attivamente nell’organizzazione e valutazione dei servizi.
8. Migliorare la qualità metodologica, l'etica, l'integrità, la rilevanza clinica e il valore sociale della ricerca.
9. Favorire la dichiarazione esplicita dei conflitti di interesse da parte dei professionisti sanitari coinvolti in attività di formazione e di ricerca.
10. Favorire l’introduzione di misure estremamente severe per contrastare truffe e frodi a carico del SSN.

«Dal 2 maggio 2013 – conclude Cartabellotta – tutti gli stakeholders della sanità potranno offrire il proprio contributo grazie a una piattaforma web dedicata». Tutti i feedback saranno raccolti, elaborati ed integrati nel prodotto finale del progetto, un Libro Bianco che sarà presentato il 14 marzo 2014 in occasione della 9a Conferenza Nazionale GIMBE.

Per ulteriori informazioni a: www.salviamo-ssn.it


Download comunicato

 

19 marzo 2013
LA SANITA’ PUBBLICA E’ SOSTENIBILE… NONOSTANTE I TAGLI

«PUNTARE IL DITO CONTRO IL FINANZIAMENTO INADEGUATO DEL SSN, OLTRE A FORNIRE UN ALIBI PER SMANTELLARLO, SPIANA LA STRADA ALL’INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA E ASSICURATIVA DEI PRIVATI. LA VERA SFIDA CONSISTE NELL’IDENTIFICARE GLI SPRECHI CHE AUMENTANO I COSTI DELL’ASSISTENZA, SENZA PRODURRE ALCUN BENEFICIO PER CITTADINI E PAZIENTI».

Con queste parole il Dott. Nino Cartabellotta – Presidente della Fondazione GIMBE – ha concluso la lettura inaugurale della Conferenza Nazionale GIMBE (Bologna, 15 marzo 2013),  lanciando la fase operativa del progetto Salviamo il Nostro SSN.  Il Presidente ha sottolineato la necessità di ricordare a tutti i cittadini contribuenti che «l’articolo 32 della Costituzione garantisce il diritto alla salute e non alla sanità, oggi intesa come disponibilità illimitata e tempestiva di servizi e prestazioni sanitarie» e che «la domanda inappropriata di servizi e prestazioni sanitarie concorre agli sprechi del SSN, con pesanti ricadute sotto forma di imposte locali e di mancate detrazioni».

«Nel corso degli ultimi 20 anni – prosegue il Presidente – diversi fattori hanno silenziosamente contribuito alla progressiva crisi del SSN: il mutamento delle condizioni demografiche, economiche e sociali, la crescente introduzione sul mercato di false innovazioni, le conseguenze della modifica del Titolo V della Costituzione, il perpetuarsi delle ingerenze della politica partitica nella programmazione sanitaria, la “grande incompiuta" dei LEA, la gestione delle aziende sanitarie come “silos” in competizione continua, l’evoluzione del rapporto paziente-medico e l’involuzione del cittadino in consumatore».

«In questo contesto particolarmente critico – conclude Cartabellotta –  teatro di un confitto istituzionale tra Stato e Regioni che ha ormai assunto toni esasperati, il prossimo esecutivo dovrà identificare una linea politico-programmatica multi-stakeholders per fornire risposte di sistema a cinque questioni chiave per la sopravvivenza della sanità pubblica. Il SSN è realmente sotto-finanziato? Il modello di politica sanitaria che ha generato 21 sistemi regionali deve essere ripensato?  La modalità di organizzazione e gestione delle Aziende sanitarie è adeguata? Come i professionisti sanitari devono contribuire alla sostenibilità del SSN? Quali sono le responsabilità di cittadini e pazienti?»

Ulteriori informazioni a: www.salviamo-ssn.it


Download comunicato

 

16 marzo 2013
Report 8a Conferenza Nazionale GIMBE. Evidence, Governance, Performance

Si è appena conclusa l’8a edizione della Conferenza Nazionale GIMBE, un evento gratuito senza sponsor per oltre 400 partecipanti provenienti da tutte le regioni italiane e rappresentativi di tutte le professioni sanitarie.

La lettura inaugurale del Presidente Nino Cartabellotta,  Il diritto alla salute tra tagli e riforme. E’ possibile salvare il SSN? ha lanciato le proposte della Fondazione GIMBE per migliorare la sostenibilità della Sanità pubblica, in un momento di grande incertezza politica ed economica.

A seguire si è svolta la cerimonia di consegna del premio Evidence istituito dalla Fondazione GIMBE: il riconoscimento è stato assegnato al Prof. Luigi Pagliaro, professore Emerito di Medicina Interna dell’Università degli Studi di Palermo, per “aver praticato e insegnato l'Evidence-based Medicine, prima del suo battesimo ufficiale”.

Si è quindi articolata una variopinta kermesse di progetti realizzati nelle organizzazioni sanitarie italiane, dimostrando che “Evidence, Governance, Performance” sono gli ingredienti fondamentali per garantire la qualità dell’assistenza in un regime di risorse limitate.

Il GIMBE Award individuale è stato assegnato al progetto presentato da Carlo Longato, della ULSS 9 di Treviso. Il GIMBE Award Young è andato ex aequo a Camilla Boeri dell’Ospedale San Giacomo di Ponte dell’Olio (PC) e a Carlo Barbetta dell’Università degli Studi di Ferrara. L’Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola-Malpighi e l’Azienda Sanitaria Locale TO3 si sono aggiudicate ex aequo il GIMBE Award aziendale.

Infine, sono state presentate le iniziative 2013 della Fondazione GIMBE, tra cui il progetto Salviamo il SSN, il bando per l’erogazione di 30 borse di studio nell’ambito del progetto GIMBE for Young e la EBHC International Joint Conference.

Il report integrale dell’evento è disponibile online: www.gimbe.org/conferenza2013-report


Download comunicato

 

14 marzo 2013
Bando per l’erogazione di 30 Borse di Studio

In occasione della 8a Conferenza Nazionale GIMBE (Bologna, Royal Hotel Carlton, 15 marzo 2013), sarà pubblicato un bando per l’erogazione di 30 borse di studio, ciascuna del valore di € 800,00, destinate a studenti, neolaureati e specializzandi in Medicina e Chirurgia e Professioni Sanitarie.

Le borse di studio, interamente sostenute dalla Fondazione GIMBE nell’ambito del progetto GIMBE for Young, saranno destinate alla partecipazione al corso di formazione “Evidence-based Practice”, permettendo agli assegnatari di acquisire l’EBP core curriculum, set di conoscenze, attitudini e skills necessarie a tutti i professionisti sanitari, certificato dall’EU-EBM Unity Project.

Per ulteriori informazioni: www.gimbe-for-young.it

La scadenza del bando è fissata al 13 settembre 2013.


Download comunicato

 

12 marzo 2013
8a Conferenza Nazionale GIMBE - GIMBE Awards

In occasione della Conferenza Nazionale GIMBE (Bologna, Royal Hotel Carlton, 15 marzo 2013) è prevista la cerimonia di consegna dei GIMBE Awards.

Giunti alla 3a edizione, i riconoscimenti istituiti dalla Fondazione GIMBE saranno assegnati a professionisti e organizzazioni che si sono distinti per la qualità dei progetti presentati.

Tre le categorie previste: GIMBE Award individuale, GIMBE Award for Young, GIMBE Award aziendale.

I vincitori si aggiudicheranno un curriculum formativo GIMBE del valore di € 2.500,00.

Appuntamento il 15 marzo 2013 al Royal Hotel Carlton, Via Montebello 8, Bologna.


Download comunicato

 

8 marzo 2013
8a Conferenza Nazionale GIMBE - Consegna Premio Evidence

In occasione della Conferenza Nazionale GIMBE (Bologna, 15 marzo 2013) è prevista la cerimonia di consegna del premio Evidence.

Istituito dalla Fondazione GIMBE, il premio Evidence sarà assegnato a una personalità del mondo sanitario che si è particolarmente distinta per l’impegno nella diffusione e applicazione delle migliori evidenze scientifiche alla pratica clinica, al management delle organizzazioni sanitarie e alle decisioni di politica sanitaria.


Download comunicato

 

14 febbraio 2013
8a Conferenza Nazionale GIMBE. Evidence, Governance, Performance

In un momento particolarmente critico per il SSN ritorna l’appuntamento con la Conferenza Nazionale GIMBE per affermare che il diritto costituzionale alla salute non coincide con l’accesso indiscriminato a servizi e prestazioni sanitarie.

Alla lettura inaugurale del Presidente Nino Cartabellotta dal titolo “Il diritto alla salute tra tagli e riforme. E’ possibile salvare il SSN?”, seguiranno le presentazioni di 16 contributi selezionati per dimostrare che tre parole chiave possono garantire la qualità dell’assistenza in un regime di risorse limitate:

Evidence: integrare le migliori evidenze nelle decisioni clinico-assistenziali e organizzativo-gestionali.

Governance: attuare l’approccio di sistema al governo clinico.

Performance: misurare, per migliorare, le varie dimensioni della qualità assistenziale a livello individuale, di team e dell’intera organizzazione.

Tutti i professionisti e le aziende sanitarie devono contribuire alla sostenibilità del SSN, indirizzando le risorse e la domanda dei cittadini verso interventi sanitari efficaci, appropriati e sicuri, per un’assistenza sanitaria “centrata sul paziente, basata sulle evidenze, ad elevato value e consapevole dei costi”.

L’evento è sostenuto interamente dalla Fondazione GIMBE senza apporto di alcuno sponsor, istituzionale o commerciale.

La partecipazione alla Conferenza è gratuita (www.gimbe.org/conferenza2013).


Download comunicato

 

15 gennaio 2013
Registrare tutte le sperimentazioni cliniche e riportare tutti i risultati

I risultati di migliaia di trial clinici non sono mai stati pubblicati e, ancora oggi, numerosi trial non vengono registrati: di conseguenza le evidenze scientifiche emerse da questi studi, perdute per sempre, non raggiungeranno mai professionisti sanitari e ricercatori, determinando errate decisioni cliniche, mancate opportunità per migliorare la pratica professionale e inutili ripetizioni di sperimentazioni con ingente spreco di risorse.

É arrivato il momento di registrare tutte le sperimentazioni cliniche e riportarne tutti i risultati, perché la loro pubblicazione produce indubbi benefici per i pazienti, i ricercatori, i professionisti sanitari e le agenzie regolatorie di tutto il mondo. 

La Fondazione GIMBE sostiene la petizione internazionale AllTrials affinché tutti i trial pregressi e attuali vengano registrati, riportando integralmente metodi e risultati, ed esorta istituzioni, agenzie regolatorie, enti di ricerca e comitati etici a intraprendere tutte le azioni necessarie per raggiungere questo irrinunciabile obiettivo.

La petizione può essere firmata su www.alltrials.net


Download comunicato

 

10 dicembre 2012
Livelli Essenziali di Assistenza: la grande incompiuta?

“IN UNO SCENARIO PARTICOLARMENTE CRITICO PER IL SSN È MOLTO ISTRUTTIVO RILEGGERE IL DPCM CHE NEL 2001 HA INTRODOTTO I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA”

Lo afferma il Dott. Nino Cartabellotta – Presidente della Fondazione GIMBE – sul Sole 24 Ore Sanità, aggiungendo che i principi base enunciati nel DPCM  «se correttamente e uniformemente attuati, avrebbero potuto apportare uno straordinario contributo alla sostenibilità del SSN, perché attestano la volontà del legislatore di integrare le migliori evidenze scientifiche nelle decisioni di politica sanitaria, in particolare nel finanziamento di servizi e prestazioni sanitarie essenziali». Il DPCM sui LEA afferma, infatti, che il SSN può rimborsare con il denaro pubblico solo gli interventi sanitari di documentata efficacia, facendo esplicito riferimento alle evidenze scientifiche. Viceversa, servizi e prestazioni sanitarie inefficaci, inappropriati o caratterizzati da una limitata costo-efficacia non rientrano nei LEA. Infine, in assenza di prove di efficacia definitive, l’erogazione di interventi sanitari innovativi deve avvenire solo all’interno di specifici programmi di sperimentazione.

Tuttavia, prosegue il Presidente «la progressiva resistenza delle autonomie regionali a riconoscere un decreto centralista, la mancata attuazione dei principi evidence-based e il ritardo nell’aggiornamento e nell’espansione degli elenchi di servizi e prestazioni hanno ridimensionato i LEA a strumento per identificare, rispetto all’impiego delle risorse assegnate, le Regioni virtuose (adempienti) e quelle dissennate (rinviate al Piano di Rientro)».

Il futuro dei LEA? «L’articolo 5 del Decreto Balduzzi – conclude Cartabellotta – contiene solo una “dichiarazione di intenti” che annuncia l’aggiornamento dei LEA (con riferimento a malattie croniche, malattie rare e ludopatia) entro il 31 dicembre 2012, e del nomenclatore tariffario entro il 31 maggio 2013».


Download comunicato

 

4 dicembre 2012
La Fondazione GIMBE pubblica la versione italiana del CONSORT Statement 2010

I trial controllati e randomizzati (RCT) costituiscono il gold-standard della ricerca clinica per valutare l’efficacia degli interventi sanitari, grazie alla loro capacità di minimizzare i bias rispetto ad altri studi. Tuttavia, consistenti evidenze scientifiche dimostrano che un reporting inadeguato dei RCT, oltre a impedire ai lettori di valutare affidabilità e validità dei risultati, può sovrastimare l’efficacia degli interventi sanitari.

Il CONSORT (CONsolidated Standards of Reporting Trials) Statement è la linea guida di riferimento finalizzata a migliorare la qualità del reporting dei RCT. Una recente Cochrane review dimostra, infatti, che il reporting dei trial pubblicati in riviste che aderiscono al CONSORT è più completo rispetto a quelli pubblicati in riviste che non supportano il CONSORT.

Grazie alla Fondazione GIMBE, che ne ha sostenuto la traduzione e la pubblicazione, è oggi disponibile per tutti i professionisti sanitari, la versione italiana sia del CONSORT Statement 2010, sia del relativo Documento di Spiegazione ed Elaborazione.


Download comunicato

 

19 novembre 2012
La Fondazione GIMBE pubblica la versione italiana degli standard GIN per la produzione di linee guida

Il numero di linee guida prodotte in tutto il mondo è aumentato in maniera esponenziale, tanto che medici, pazienti e altri stakeholders devono spesso destreggiarsi tra numerose linee guida di variabile qualità, talvolta anche discordanti.

Il Guidelines International Network (G-I-N) ha recentemente pubblicato i requisiti minimi per produrre linee guida affidabili di elevata qualità: la composizione del gruppo di lavoro, il processo decisionale, i conflitti di interesse, gli obiettivi, le metodologie di produzione, la revisione delle evidenze, la base delle raccomandazioni cliniche, il rating delle evidenze e delle raccomandazioni, i processi di revisione, aggiornamento e finanziamento delle linee guida.

Grazie alla Fondazione GIMBE, che ne ha sostenuto la traduzione e la pubblicazione, è oggi disponibile la versione italiana degli standard G-I-N: www.evidence.it/gin


Download comunicato

 

13 luglio 2012
Etica della spending review: razionamento o riduzione degli sprechi?

“SE L’ETICA DEL RAZIONAMENTO APPARTIENE ALLA POLITICA SANITARIA, L'ETICA DELLA RIDUZIONE DEGLI SPRECHI È INDISSOLUBILMENTE LEGATA ALLA PROFESSIONALITÀ DEI MEDICI”.

Lo afferma il dott. Nino Cartabellotta – Presidente della Fondazione GIMBE – sul Sole 24 Ore Sanità, aggiungendo che «La principale obiezione etica al razionamento è che ciascun medico, per mantenere il rapporto fiduciario con ciascun paziente, finisce per soddisfare tutte le sue preferenze e aspettative, senza considerare i costi sostenuti dalla comunità. Tuttavia, quando le risorse si esauriscono questa obiezione è priva di senso, perché i pazienti privi di livelli essenziali di assistenza sono persone reali verso cui l’intera classe medica è obbligata a mantenere un rapporto fiduciario collettivo».

 

«Oggi, il dibattito etico – prosegue il Presidente – si può risolvere solo identificando come sprechi tutti i costi sostenuti per interventi sanitari inefficaci e/o inappropriati che, oltre a non determinare alcun beneficio, spesso causano eventi avversi che generano altri costi».

«Purtroppo – conclude Cartabellotta – se un tempo i medici, nel rispetto della loro integrità professionale, rifiutavano di offrire trattamenti inutili, anche quando richiesti dai pazienti, oggi consistenti evidenze dimostrano che interventi sanitari inefficaci e/o inappropriati vengono prescritti non solo per le richieste dei pazienti sempre più insistenti, ma anche per decisione autonoma dei professionisti condizionata dalla resistenza al cambiamento, dai conflitti d’interesse, da prove di efficacia insufficienti o distorte».


Download comunicato

 

17 febbraio 2012
7a Conferenza Nazionale GIMBE - Evidence & Governance per la sostenibilità della sanità pubblica

7a Conferenza Nazionale GIMBE
Evidence & Governance per la sostenibilità della sanità pubblica
Bologna, 17 febbraio 2012

Torna l'appuntamento con la Conferenza Nazionale GIMBE, dal 2006 una vetrina per condividere esperienze e progetti d’eccellenza che le organizzazioni sanitarie italiane portano avanti con grande determinazione.

 

La conferenza sarà inaugurata dalla lettura del presidente della Fondazione GIMBE - dott. Nino Cartabellotta - dal titolo “La salute non ha prezzo, ma la sanità costa a tutti”. In un momento in cui è a rischio la sostenibilità del sistema sanitario nazionale, solo l'integrazione delle migliori evidenze scientifiche in tutte le decisioni (professionali, manageriali e politiche),  l'approccio di sistema al governo clinico  e la definizione di criteri di appropriatezza clinica e organizzativa  possono permettere di definire  quali interventi sanitari rimborsare con il denaro pubblico.

 

Il grande interesse della sanità italiana per le tematiche della Conferenza è documentato dai 154 abstract pervenuti da organizzazioni sanitarie e professionisti impegnati nella diffusione dell'Evidence-based Practice e nella realizzazione di progetti di Clinical Governance.

 

In occasione della conferenza verrà presentata la Fondazione GIMBE, con il suo nuovo network di siti web ed Evidence, rivista metodologica a libero accesso. L’evento costituirà inoltre l’occasione per il lancio del progetto GIMBE for Young destinato a studenti e professionisti sanitari fino ai 30 anni

Per ulteriori dettagli sul programma allegato: www.gimbe.org/conferenza2012

La segreteria è disponibile per ulteriori informazioni: tel. 051 5883920 - e-mail: info@gimbe.org

 

Roberto Luceri

Responsabile Ufficio Stampa

GIMBE
Via Amendola 2 - 40121 Bologna
Tel. 051 5883920 – Fax 051 4075774
E-mail ufficio.stampa@gimbe.org


Download comunicato

 

3 maggio 2011
Qualità delle linee guida. La Fondazione GIMBE pubblica la versione italiana di AGREE II

Secondo la definizione dell’Institute of Medicine (1990) le linee guida sono «raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte con metodi sistematici per assistere medici e pazienti nel decidere le modalità di assistenza più appropriate in specifiche circostanze cliniche».

Oggi le linee guida costituiscono uno strumento di governo clinico per definire standard assistenziali con cui valutare le performance di professionisti e organizzazioni sanitarie; tuttavia, considerato che i benefici potenziali delle linee guida sono proporzionali alla loro qualità, è indispensabile disporre di uno strumento di valutazione standardizzato.

Con questo obiettivo nel 2001 nasce lo strumento AGREE (Appraisal of Guidelines for Research& Evaluation), divenuto negli anni il riferimento internazionale per valutare la qualità delle linee guida.

Nel 2010 l’AGREE NextStepConsortium ha pubblicato AGREE II, la nuova versione dello strumento.

Grazie alla Fondazione GIMBE, che ne ha sostenuto la traduzione e la pubblicazione, è oggi disponibile la versione italiana ufficiale di AGREE II.


Download comunicato

 

25 novembre 2009
Convention Nazionale - L' Eccellenza Professionale nell'era della Clinical Governance

L’Eccellenza Professionale nell’era della Clinical Governance

Formazione continua, modifica dei comportamenti, valutazione delle performance

GIMBE organizza a Bologna il 27 novembre 2009, la Convention Nazionale “L’Eccellenza Professionale nell’era della Clinical Governance”.

A seguito della prima Conferenza Nazionale sull’ECM svoltasi a Cernobbio, saranno condivisi con i responsabili degli uffici di staff delle organizzazioni sanitarie, metodologie e strumenti per progettare una formazione continua efficace nel modificare i comportamenti professionali e per standardizzare la valutazione delle performance individuali e di sistema.

Due rilevanti esperienze aziendali e l'innovativa modalità di coinvolgimento dei partecipanti con il televoter arricchiranno il programma dell'evento.

Appuntamento a Bologna!


Download comunicato

 

23 ottobre 2009
infoSANITA’: la tua bussola per navigare nella sanità italiana

infoSANITA’: la tua bussola per navigare nella sanità italiana

 

GIMBE annuncia che dal 22 ottobre è online infoSANITÀ (www.infosanita.org), l'innovativo portale che archivia tutta la sanità italiana.

Grazie a una semplice interfaccia grafica, alle diverse modalità di ricerca (geografica, per categoria, libera) e al costante aggiornamento dei dati, infoSANITÀ si presenta a professionisti e utenti come insostituibile bussola per orientarsi nell’articolato e complesso mondo della sanità italiana.

Il database di infoSANITÀ, oltre ad Aziende Sanitarie pubbliche e private, archivia tutti i contatti istituzionali di Enti del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale, Università, Ordini e Collegi Professionali, Società Scientifiche, Comitati Etici, industria.

L'accesso al sito è gratuito e non richiede registrazione.

www.infosanita.org


Download comunicato

Torna alla prima pagina
36
37
38
39
40
Vai all'ultima pagina


Pagina aggiornata il 18/02/2014